FINE DELLA STERILIZZAZIONE FORZATA PER LE PERSONE TRANSGENDER

Postato il Aggiornato il

La Corte europea dei Diritti dell’Uomo, oggi 7 aprile 2017, ha rilevato che il requisito di sterilizzazione in riconoscimento del genere legale, viola i diritti umani. Per via di questa decisione l’Europa costringerà i restanti 22 paesi che utilizzano l’obbligo di infertilità a cambiare le loro leggi.

human-rights-victory-2-300x300

Questa storica decisione viene consegnata in tre cause riunite contro la Francia per mancanza di autodeterminazione degli individui transgender nel paese. Tre ragazzi A. P. E invocano l’articolo 8 della Costituzione europea dei Diritti dell’Uomo, vale a dire il diritto al rispetta alla vita privata.

“Oggi, questa è una vittoria storica per le persone trans e i diritti umani in tutta l’Europa. Questa decisione conclude il capitolo oscuro della sterilizzazione indotta dallo Stato Europeo. I 22 Stati in cui la sterilizzazione è ancora vincolante, dovranno cessare rapidamente questa pratica. Julia Erth di Transgender Eropa ha detto che non vede l’ora di sostenere questi paesi nel riforma della loro legislazione nazionale.

Tuttavia il Giudice ha negato che gli esami medici forzati ordinati dal giudice nazionale o la diagnosi di salute mentale contraddicano la Convenzione.

I tre ricorrenti hanno lottato per molto tempo per aver riconosciuta la loro identità di genere dallo Stato francese. Prima di ottobre 2016, una persona che voleva vivere la propria identità di genere e vederla legalmente riconosciuta era necessario dimostrasse la sua infertilità e di aver praticato l’intervento di chirurgia genitale, dopo aver subito una serie di lunghi esami discriminatori.

La Corte ha rilevato che la richiesta di prove che determina l’intervento chirurgico di sterilizzazione o qualsiasi trattamento inumano con un alta conseguenza di infertilità per il soggetto, equivale a una violazione da parte dello Stato, che deve mantenere il suo obbligo a garantire il diritto (…) il rispetto (….) della vita privata di ogni individuo.

Nel mese di luglio 2015, ILGA EUROPE, TGEU e Amnesty Internationale hanno presentato un intervento per conto di Terzi alla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, su i tre casi sopra riportati. TGEU-Intervention

Nel mese di ottebre 2016, la Francia ha adottato la prima legge sul riconoscimento del genere legale che termina col libero arbitrio e non con la medicalizzazione. La sterilizzazione forzata e la prova di trattamenti medici non sono più requisiti per il riconoscimento del genere del diritto giuridico francese.

Vi ricordiamo che International Support – Human Rights sta facendo una campagna per poter cambiare la legge 164/82 in Italia, in modo da permettere a tutte le persone transgender di adattare il proprio nome e sesso al genere prescelto. Chiediamo a tutte le associazioni di aiutarci a chiedere un adattamento immediato delle dormative che sia in linea con le decisioni della Corte.

Chiunque volesse contattarci per una collaborazione o anche in supporto alla nostra campagna può farlo come sempre alla nostra Email : isp.uganda@hotmail.com

L’ORA DEL CAMBIAMENTO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...