Ultimi Aggiornamenti degli Eventi

RAID DELLA POLIZIA AL GAY PRIDE IN UGANDA

Postato il Aggiornato il

Lo scorso 4 agosto la polizia ha fatto irruzione in un Club di Kabalagala , il Venom, dove si stava svolgendo un evento organizzato dalla comunità LGBTI, durante la serata si sono susseguiti violenti arresti ed il  concorso di bellezza è stato bloccato , tutto questo prima della consueta sfilata del Gay Pride , dopo alcune intimidaziuoni gli attivisti hanno preferito fermare la parata che era prevista per il giorno successivo e  rimandarla per paura di nuove violenze verso la comunità omosessuale ugandese. Nonostante questo gli attivisti e il popolo gay del Paese ha voluto celebrare ieri, sabato 24 settembre , l’Orgoglio Gay . Purtroppo però anche in questa occasione le forze dell’ordine sono intervenute per fermare l’esibizione ed hanno arrestato molti dei partecipanti.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

UNHCR BLOCCA I FONDI PER I PROFUGHI LGBTI UGANDESI RICHIEDENTI ASILO IN KENYA

Postato il Aggiornato il

Da un paio di anni i profughi Ugandesi stanno affrontando un periodo difficile , come se non bastasse dover vivere il trauma dell’abbandono da parte della propria famiglia, amici, della religione e della loro comunità e del governo. Oggi le persone LGBTI ugandesi richiedenti asilo in Kenya come rifugiati devono affrontare anche le incertezze del partner operativo UNHCR e del noto HIAS.

Leggi il seguito di questo post »

Affrontare l’odio: sopravvivere ad un attacco omicida

Postato il Aggiornato il

Questa che Support Uganda vi vuole raccontare è una storia vera,  ed è il racconto di una brutale violenza che l’attivista, giornalista Joseph Odero (che chiameremo Joe) ha dovuto subire per aver accettato di documentare in un articolo con la sua testimonianza, l’omicidio di un giovane gay adolescente.
La vicenda è stata seguita da un gruppo di attivisti LGBTI keniani , Odero dopo essere stato picchiato e ridotto in fin di vita nel mese di gennaio, aveva bisogno di un trapianto di rene per poter sopravvivere. Nonostante le minacce continue di morte, aveva avuto il coraggio di  testimoniare a favore di un giovane che era stato assassinato.

Anche se attualmente Odero ha subito una lunga operazione resta in pericolo di vita. Per motivi di sicurezza non possiamo rivelare il suo domicilio ed il nome utilizzato sarà uno pseudonimo.

Leggi il seguito di questo post »

Uganda di nuovo a rischio di un’Anti-Homosexuality Act?

Postato il Aggiornato il

Dopo il blitz della polizia all’evento del Gay Pride del 4 agosto, gli attivisti sono preoccupati perché temono ci possa essere un’inversione di marcia e si possa perdere molto del lavoro fatto negli ultimi anni con estrema fatica. Dopo diverso tempo, si era arrivati a piccole conquiste , grazie ai difensori dei diritti LGBTI in Uganda. Ora dopo gli ultimi episodi alcuni di loro, vivono il timore che si possa tornare indietro. Le paure purtroppo sono legittime, visto che solo nel 2014 una legge che penalizzava i diritti degli omosessuali stava riscuotendo grande successo.

Durante l’irruzione delle forze dell’ordine al Venom, venerdì sera, la polizia ha arrestato a Kampala 10 degli organizzatori dell’Uganda Pride. La festa per l’elezioni di Ms e Mr Pride ha avuto inizio normalmente, con brindisi , danze e baldoria. Ma un’ora dopo la polizia ha invaso il locale sbarrando tutte le porte. Senza dare alcuna spiegazione.

Leggi il seguito di questo post »

Parigi, Bruxelles, Nizza, ma anche Beirut, Baghdad, Istanbul, e Orlando tanti altri …

Postato il Aggiornato il

La nostra associazione International Support vuole condividere con voi questo breve testo inviatoci Dalla Commissione Europea per i diritti umani. Dopo i molti episodi di atti terroristici degli ultimi mesi , AEDH , si rivolge a tutte le associazioni Europee e mondiali con questo pensiero, che noi condividiamo pienamente :

Bruxelles, 18 Luglio 2016

L’Associazione europea per la difesa dei diritti umani condanna quello che può essere considerato come un crimine orribile. AEDH esprimere solidarietà e commiserazione alle vittime degli attentati e ai loro famigliari. Reati violenti contro altri esseri umani sono, e rimangono ingiustificabili. Dove e quando siano commessi. Tali atti possono avere un obiettivo : Essi mirano sinistramente a dividere e a separare, installando la paura nelle persone e creando l’illusione che una comunità di destini condivisi e una vita in comune possa essere costruita solo su un rifiuto, sulla guerra e la morte degli altri. Mentre la base territoriale di quelli che hanno sostenuto gli attacchi sembrano sul punto di essere annientata, il pericolo rimane: costretti a ritirarsi per una strategia difensiva, a Daesh si stanno sviluppando nuovi metodi che utilizzano armi progettate per essere impiegate da pirati informatici, malintenzionati che si ha difficoltà ad identificare.

Leggi il seguito di questo post »

IL KENYA Potrebbe CONTRIBUIRE A RIDURRE L’HIV con la depenalizzazione DELL’OMOSESSUALITà

Postato il Aggiornato il

In Kenya , la stigmatizzazione e la discriminazione nei confronti delle minoranze sessuali è forte, in particolare verso gli uomini che fanno sesso con uomini e i transgender, sono esposti ad un rischio maggiore.

Il 17 maggio è la giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia , gli attivisti di tutto il mondo hanno invitato i politici e i leader di tutto il pianeta a contribuire per porre fine alla violenza e alla discriminazione vissuta da coloro che non si conformano alla maggioranza sociale per via del loro orientamento sessuale o l’identità di genere.

Leggi il seguito di questo post »