Ultimi Aggiornamenti degli Eventi

CHE COSA SIGNIFICA ESSERE TRANSGENDER NELLA EU DI OGGI?

Postato il Aggiornato il

image1.jpeg

10.12.2014 08:25

Bruxelles – La realtà allarmante di come sia essere transgender nella EU oggi viene rivelata in un nuovo rapporto dell’Agenzia europea per i diritti fondamentali (FRA). La violenza e la discriminazione sono comuni. Molti nascondono la loro identità, sono emarginati, e vivono in isolamento o nella paura.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

ANOTHER TYPE OF MIGRATION

Postato il Aggiornato il

Much has been said in recent days about immigration: the deaths in the Mediterranean Sea, the refugees from Ethiopia, Libya, Syria and many other ones crossing the sea by boat to reach the Italians costs, where they hope to start a new life and to find the salvation they have been coveting for a so long time.
However some aspects of immigration are not discussed enough, such as the topic of LGBTI refugees. These persons have a different sexual orientation or a different gender identity.

Leggi il seguito di questo post »

GLI ATTIVISTI AFRICANI, LOTTA CONTRO L’OMOFOBIA, PER CERCARE UNA PROTEZIONE CONTRO LA VIOLENZA

Postato il Aggiornato il

Le recenti vittorie legali delle associazioni LGBTI in Kenya e a Botswana sono state un punto di riferimento per molte altre organizzazioni, queste vittorie sono state accolte dagli attivisti come un riconoscimento dell’esistenza dei diritti umani per il popolo LGBTI in tutta l’Africa.

Il 24 aprile 2015 Alta Corte del Kenya ha dichiarato che ad un gruppo per i diritti LGBTI deve essere consentito di registrarsi con l’autorizzazione delle autorità del governo, e questo diritto era stato negato all’associazione Kenya Nazionale Gay & Lesbian Human Rights Commission dicendo che aveva violato il diritto costituzionale di libera associazione.

Leggi il seguito di questo post »

International Support – HUMAN RIGHTS Lesbian Gay Bisexual Transgender Intersex

Postato il Aggiornato il

Campagn for Refugees


“Everyone is entitled to all the rights and freedoms set forth in the Universal Declaration of Human Rights of 1948, without distinction of any kind, such as race, colour, sex, language, religion, political or other opinion, national or social origin, property, birth or other status.
Furthermore, no distinction shall be made on the basis of the political, jurisdictional or international status of the country or territory to which a person belongs, whether it be independent, trust, non-self-governing or under any other limitation of sovereignty.”

Leggi il seguito di questo post »

Nigeria: election and LGBTI rights

Postato il Aggiornato il

On Wednesday morning, Attahiru Jega, the chairman of Nigeria’s National Election Commission, announced that Muhammadu Buhari had officially won the election with 15.4 million votes against Goodluck Jonathan’s 12.9 million.

Late in the afternoon on Tuesday, when the result was almost evident, Jonathan conceded defeat and thanked all Nigerians for the opportunity he had to lead them.

The new President Buhari had previously been the military governor of Nigeria for 20 months, from 1984 to 1985 after taking power in a military coup d’état in December 1983. He survived an apparent Boko Haram assassination attempt.
Former military General Buhari’s victory is a very significant moment in the turbulent Nigerian history. Never before had a governing President lost the election.

Leggi il seguito di questo post »

LGBTI REFUGEES IN KENYA: UN BLOCK REGISTRATIONS

Postato il Aggiornato il

We do not receive much news from Africa: in recent months we focused on fights in Nigeria and Ebola outbreak, but only few people know that many other realities exist in the black continent. One of them is the discrimination of sexual minorities. This is a quite widespread problem: 37 African nations consider homosexual relationships a crime. 4 nations still allow death sentence for LGBTI people almost countrywide. Muslim countries like Nigeria are the most concerned. Only one nation in Africa assures equal opportunity at the moment: it is South Africa, although laws are not often applied there.

Leggi il seguito di questo post »

Il Kenya può essere come l’Uganda per molti LGBTI Rifugiati

Postato il Aggiornato il

“Sono stanco di questa vita, onestamente. Mi sento come si mi stesse avvelenando , ha detto un ugandese gay in un campo di profughi in Kenya.


NAIROBI – George è fuggito dalla sua casa in Uganda orientale, quando sua zia ha scoperto che era gay e ha chiamato la polizia , all’epoca dell’ accaduto aveva 18 anni. Prima di andare a Nairobi è stato costretto a dormire per strada . Quando finalmente è arrivato nel campo dei profughi nel nord-ovest del Kenya , si è sentito sollevato. Ma ora dopo diversi mesi in un impianto deserto, che ospita centinaia e migliaia di rifugiati provenienti da diversi paesi, fra cui l’Etiopia , la Somalia e la Repubblica Domenicana del Congo, George si sente troppo spaventato per recarsi regolarmente a prendere cibo e acqua. (Il nome George è inventato, per proteggere la sua identità). Di solito lo chiamano con molti nomi diversi. Un uomo recentemente lo ha colpito così forte allo stomaco con una bottiglia che è finito in ospedale. George ha paura di recarsi alla polizia , per chiedere protezione, perché in Kenya l’omosessualità è tecnicamente un reato e le altre persone LGBTI nei campi lo hanno avvertito che corre il rischio di essere arrestato dalle autorità. “Sono stanco di questa vita” ha detto, “mi sento come se mi stesse avvelenando”.

Leggi il seguito di questo post »