Ultimi Aggiornamenti degli Eventi

Fundamental rights and discrimination of Sexual Minorities in Uganda, the Anti–Homosexuality Act.

Postato il Aggiornato il

prideuganda_83972272_gettyimages-453384466

The event will be held in the University of Law in Bologna, on Friday 16th 2016, at 6 p.m. o’clock.

International LGBTI Support, in collaboration with Amnesty International, wants to propose a broader view of discrimination, during this event it wants to talk about discrimination based on sexual orientation and the gender identity in Africa, a little discussed subject in Europe and in a very superficial way.
The intent is to inform and awaken our public to discriminations suffered by LGBTI community in many countries of Africa and is determined to shed light on the path that has been done in these years by activists in order to fight this persistent social marginalization of the homosexual community and bring to everyone fundamental human rights.
We would like to touch, in an exhaustive way, on the anti – sodomy law problem, which had different evolutions in these years, passing from before the decree introduced in 2009 by the delegate David Bahati until 2014 when Anti–Homosexuality Act was approved, then fallen because of a legal quibble.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

EVENTO RIFUGIATI LGBTI IN KENYA , 2016/17 BOLOGNA, ROMA, GINEVRA, BRUXELLES

Postato il Aggiornato il

restyling2-logo3 International LGBTI Support, presenterà una serie di eventi in Europa per promuove la tutela dei Diritti Umani Fondamentali per tutti e il sostegno al diritto di asilo per tutte quelle persone che scappano da violenza e discriminazione a causa del loro orientamento sessuale o identità di genere.
Negli ultimi anni l’Europa e i Paesi europei sono sempre più coinvolti nella lotta alla discriminazione e sui problemi dell’immigrazione, noi vogliamo unire i due temi per mostrarvi le due facce della stesa medaglia, vorremmo lavorare insieme per correggere un sistema che potrebbe senza dubbio essere migliorato. La nostra associazione ha individuato alcuni Paesi chiave dove vorrebbe presentare i suoi eventi, Bologna, Roma, Ginevra e Bruxelles.

Leggi il seguito di questo post »

CHIUSURA DEI CAMPI IN KENYA, NUOVE TENSIONI PER LA COMUNITA’ LGBTI

Postato il Aggiornato il

restyling2-logo3

Il programma Support Uganda diretto da Tobias Pellicciari sta seguendo la situazione dei Rifugiati in Kenya, già da tempo ha lanciato una campagna di sostegno per le persone LGBTI che vivono nei campi. Con la nostra associazione stiamo monitorando gli sviluppi sulle condizioni dei profughi ugandesi che soggiornano nei campi del Kenya che il governo ha più volte minacciato di chiudere.
Proprio su questo tema, stiamo lavorando per promuovere una serie di eventi di sensibilizzazione per cercare di spiegare in modo più dettagliato possibile le problematiche vissute dalle persone omosessuali negli attendamenti durante il loro soggiorno. Vogliamo inoltre ricordare che la comunità LGBTI all’interno dei campi vive già numerosi episodi di vessazione e discriminazione, quindi di marcato disagio. Le attuali circostanze sono andate ad alimentare una condizione di stress e malessere non indifferente per gli ospiti, con l’aggiungersi di rilevanti difficoltà economiche.

Leggi il seguito di questo post »

RAID DELLA POLIZIA AL GAY PRIDE IN UGANDA

Postato il Aggiornato il

Lo scorso 4 agosto la polizia ha fatto irruzione in un Club di Kabalagala , il Venom, dove si stava svolgendo un evento organizzato dalla comunità LGBTI, durante la serata si sono susseguiti violenti arresti ed il  concorso di bellezza è stato bloccato , tutto questo prima della consueta sfilata del Gay Pride , dopo alcune intimidaziuoni gli attivisti hanno preferito fermare la parata che era prevista per il giorno successivo e  rimandarla per paura di nuove violenze verso la comunità omosessuale ugandese. Nonostante questo gli attivisti e il popolo gay del Paese ha voluto celebrare ieri, sabato 24 settembre , l’Orgoglio Gay . Purtroppo però anche in questa occasione le forze dell’ordine sono intervenute per fermare l’esibizione ed hanno arrestato molti dei partecipanti.

Leggi il seguito di questo post »

UNHCR BLOCCA I FONDI PER I PROFUGHI LGBTI UGANDESI RICHIEDENTI ASILO IN KENYA

Postato il Aggiornato il

Da un paio di anni i profughi Ugandesi stanno affrontando un periodo difficile , come se non bastasse dover vivere il trauma dell’abbandono da parte della propria famiglia, amici, della religione e della loro comunità e del governo. Oggi le persone LGBTI ugandesi richiedenti asilo in Kenya come rifugiati devono affrontare anche le incertezze del partner operativo UNHCR e del noto HIAS.

Leggi il seguito di questo post »

Affrontare l’odio: sopravvivere ad un attacco omicida

Postato il Aggiornato il

Questa che Support Uganda vi vuole raccontare è una storia vera,  ed è il racconto di una brutale violenza che l’attivista, giornalista Joseph Odero (che chiameremo Joe) ha dovuto subire per aver accettato di documentare in un articolo con la sua testimonianza, l’omicidio di un giovane gay adolescente.
La vicenda è stata seguita da un gruppo di attivisti LGBTI keniani , Odero dopo essere stato picchiato e ridotto in fin di vita nel mese di gennaio, aveva bisogno di un trapianto di rene per poter sopravvivere. Nonostante le minacce continue di morte, aveva avuto il coraggio di  testimoniare a favore di un giovane che era stato assassinato.

Anche se attualmente Odero ha subito una lunga operazione resta in pericolo di vita. Per motivi di sicurezza non possiamo rivelare il suo domicilio ed il nome utilizzato sarà uno pseudonimo.

Leggi il seguito di questo post »

Uganda di nuovo a rischio di un’Anti-Homosexuality Act?

Postato il Aggiornato il

Dopo il blitz della polizia all’evento del Gay Pride del 4 agosto, gli attivisti sono preoccupati perché temono ci possa essere un’inversione di marcia e si possa perdere molto del lavoro fatto negli ultimi anni con estrema fatica. Dopo diverso tempo, si era arrivati a piccole conquiste , grazie ai difensori dei diritti LGBTI in Uganda. Ora dopo gli ultimi episodi alcuni di loro, vivono il timore che si possa tornare indietro. Le paure purtroppo sono legittime, visto che solo nel 2014 una legge che penalizzava i diritti degli omosessuali stava riscuotendo grande successo.

Durante l’irruzione delle forze dell’ordine al Venom, venerdì sera, la polizia ha arrestato a Kampala 10 degli organizzatori dell’Uganda Pride. La festa per l’elezioni di Ms e Mr Pride ha avuto inizio normalmente, con brindisi , danze e baldoria. Ma un’ora dopo la polizia ha invaso il locale sbarrando tutte le porte. Senza dare alcuna spiegazione.

Leggi il seguito di questo post »