Ultimi Aggiornamenti degli Eventi

Bosnia and Herzegovina – Prison or Freedom

Postato il Aggiornato il

_97112049_gettyimages-74439287
LGBTI people

We dedicate a small space to the articles of Ismar Smailbegović an LGBT activist currently residing in Bosnia and Herzegovina, he will talk about the difficulties encountered by the homosexual community in this country. International Support – Human Rights is very interested in the experiences of activists of all nationalities and we hope this will be the first of many collaborations.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Secondo i transgender kenioti la nuova classificazione del disturbo di genere potrebbe creare confusione

Postato il Aggiornato il

transgender1_no_text

Alcune settimane fa l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riclassificato l’identità di genere per le persone transgender, affermando che ora non saranno più considerata affette da “un disturbo mentale!”.

Leggi il seguito di questo post »

Vittoria per le persone transgender

Postato il Aggiornato il

intersex__1__by_pride_flags-d8zu7rl
Bandiera Trans

Le nuove linee guida globali sulla salute, sono una vera e propria vittoria per le persone transgender a dichiararlo è l’associazione Human Rights Watch. Gli standard aggiornati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) promuovono l’accesso alle cure oltre che a combattere lo stigma.

Leggi il seguito di questo post »

Fundamental Rights and Discrimination of Sexual Minorities in Africa 2016/17

Postato il Aggiornato il

ilga-map-2017
Ilga World – Laws in the World

Uganda is one of the 37 African countries where homosexuality is still illegal and homosexuals incur severe penalties. Even in Uganda, as well as in many other countries, eradicating the colonial legacy is not easy. The law criminalizing homosexuality is based on the legal means of the ex-British Empire. Great Britain imposed the aforementioned laws at the time of colonization and even other countries such as France applied such restrictive rules, even though they dissolved over time.

Leggi il seguito di questo post »

L’ONU fallisce coi Rifugiati LGBT ugandesi in Kenya, abusi e violenze

Postato il Aggiornato il

on-the-run-kenya-lgbt-v22n11-body-image-1458066585-size_1000
Campi in Kenya

Il personale delle Nazioni Unite è omofobico e le percosse da parte della polizia e degli altri rifugiati rendono difficile il soggiorno al Campo di Kakuma della comunità LGBTI, dopo l’intervista del nostro direttore esecutivo Tobias Pellicciari che ci ha aggiornato sulle condizioni dei Rifugiati LGBTI a Kakuma, altre associazioni si sono unite all’appello di International Support – Human Rights , divulgando informazioni sulle difficili condizioni di vita delle persone gay nel campo del Kenya. Riportiamo qui la traduzione dell’articolo diffuso dalla Fondazione Peter Tatchell in UK. Molto ricco e dettagliato.

Leggi il seguito di questo post »